Sezione salto blocchi

Pratiche Registro Imprese

COS’È

La pratica telematica è l'unico strumento per l'iscrizione e/o il deposito degli atti e dei fatti da pubblicizzare nel Registro Imprese (Legge 580/1993, art. 2188 codice civile, D.P.R. 581/1995, D.P.R. 558/1999, Legge 340/2000).

Non tutti gli atti/fatti sono iscrivibili nel Registro Imprese, ma solo quelli che rispettano il cosiddetto principio di tipicità/tassatività; maggiori dettagli in Supporto Specialistico.

 

CHI PUÒ PRESENTARE PRATICHE

I soggetti legittimati o obbligati alla presentazione dell’istanza variano e sono determinati dalla disciplina che regola l’adempimento in questione; per maggiori dettagli e per scoprire, adempimento per adempimento, chi è l'obbligato e chi è il legittimato, consultare il Supporto Specialistico.

Gli intermediari, professionisti, consulenti, che inviano pratiche telematiche per conto dell’impresa, sono tenuti ad allegare, oltre a tutta la documentazione necessaria, il modulo procura ,in formato pdf/A, correttamente compilato ed accompagnato dal documento di riconoscimento, in corso di validità, del Titolare o del Legale Rappresentante dell’Impresa, qualora questi non abbiano un valido dispositivo di firma digitale, attraverso il quale sottoscrivere direttamente la documentazione a corredo della pratica telematica. Si richiede a chi invia pratiche telematiche un'attenzione alla consequenzialità, ovvero la cura alla successione cronologica e progressiva di atti, fatti ed eventi che si intendono depositare e iscrivere.

 

STRUMENTI PER LA PREDISPOSIZIONE e L'INVIO DELLE PRATICHE

  • DIRE (in continua evoluzione);
  • STARWEB (in dismissione);
  • FEDRA (in dismissione);
  • Pratica Semplice (solo per iscrizione domicilio digitale);​​​​​​
  • Comunicazione Unica per l'invio di tutte le pratiche telematiche (ad eccezione del deposito del bilancio d’esercizio);
  • Telemaco con utenza attiva e conto prepagato con fondo sufficiente per il pagamento di diritti di segreteria e bolli;
  • ImpresaInUnGiorno, per tutte le pratiche anche di interesse SUAP;
  • Firma digitale (per firmare digitalmente tutti gli elementi che compongono la pratica telematica);
  • Domicilio Digitale per l'impresa e PEC per il professionista che invia la pratica (per ricevere richieste di correzione e il documento di evasione protocollo);
  • Convertitore Pdf/A, scaricabile gratuitamente dal web, per trasformare, nell'unico formato ammesso (art. 6 del DPCM 10/12/2008), gli allegati alle pratiche telematiche, al fine di renderli inalterabili e conservabili nel lungo periodo; sono accettati non necessariamente in pdf/A i documenti di riconoscimento, il permesso di soggiorno ed i verbali di rinnovo cariche e deleghe poteri;
  • Modulo procura, da allegare, in formato pdf/A, alla pratica telematica;
  • Portale Europeo - BRIS: sistema di interconnessione dei Registri delle Imprese europei​. Per garantire l'interoperabilità tra Registri Imprese, è necessario che le pratiche relative a sedi secondarie italiane e fusioni/scissioni transfrontaliere (modelli S1 ed S2) riportino il codice identificativo univoco europeo (EUID), attribuito ad ogni società e reperibile sul portale;
  • Diritto Annuale: per le pratiche di iscrizione al Registro Imprese, è a disposizione la pagina dedicata ai costi di diritto annuale;
  • Supporto specialistico per una panoramica di tutti gli atti e fatti da iscrivere al Registro imprese con dettagli su termini, costi, documentazione necessaria; 
  • Ateco, quadro completo di tutte le attività esercitabili e relativi adempimenti.

 

COSTI DELLE PRATICHE

Le pratiche inviate telematicamente al Registro delle Imprese sono soggette a:

I dettagli degli importi di diritti di segreteria e bolli, con anche gli eventuali soggetti esonerati e la tipologia di pratiche esenti, sono disponibili su Supporto Specialistico.

 

TEMPI DI GESTIONE DELLE PRATICHE

Il Registro Imprese, di norma, istruisce, evade le pratiche telematiche e quindi iscrive gli atti e fatti da pubblicizzare, entro 5 giorni dall’arrivo.

Eventuali solleciti (solo se giustificati) alla gestione delle pratiche telematiche possono essere inoltrati, dagli interessati, a partire dal sesto giorno dopo l’invio, e mediante ServiziOnline. Non potranno essere presi in carico i solleciti inoltrati con canali diversi.

 

ISCRIZIONE ATTI IN DATA CERTA

Il Registro Imprese consapevole delle reali necessità dell’utenza e nell’ottica della sempre maggiore collaborazione con essa, ha attivato da tempo la procedura di iscrizione degli atti in data certa, in deroga al principio secondo cui le istanze debbano essere istruite ed evase, dall’Ufficio, secondo l’ordine di protocollazione informatica di arrivo.

La procedura è però richiedibile solo per gli atti che producano effetti di pubblicità costitutiva e può essere soddisfatta solo se:

  • la volontà di iscrizione in data certa, se non indicata nell’atto, lo sia almeno nel modulo note della distinta telematica;
  • la trasmissione dell’istanza telematica avvenga almeno cinque giorni prima della data certa richiesta;
  • l’istanza telematica sia preceduta, o immediatamente seguita, da una richiesta di attivazione del servizio, completa di tutti gli estremi, da inviarsi esclusivamente tramite ServiziOnline.

Adempimenti di fine anno: per gli adempimenti che cadono nell’ultima decade del mese di dicembre, periodo tipicamente delicato per i maggiori interlocutori del Registro Imprese, e vista la concomitanza delle festività natalizie, si suggerisce di trasmettere la pratica e la contestuale richiesta di attivazione del servizio non oltre l'ultimo giorno lavorativo utile prima del 24 dicembre.

 

CORREZIONI E INTEGRAZIONI ALLE PRATICHE

La pratica telematica irregolare o incompleta, se sanabile, verrà sospesa con possibilità per l’interessato di regolarizzarla.

Le richieste di correzione verranno inviate dal Registro Imprese direttamente agli indirizzi di posta elettronica indicati in fase di compilazione della pratica e talvolta mediante uso di Diario Messaggi.

Per qualsiasi informazione sulla pratica sospesa o per chiarimenti sulla richiesta di regolarizzazione, l’utente può usare la funzione Diario Messaggi, interloquendo direttamente con l’istruttore telematico che ha in carico l’istanza stessa.

La pratica telematica non regolarizzata entro il termine dato, verrà rifiutata mediante provvedimento espresso, ai sensi dell'art. 11 del D.P.R. 581/1995 e/o dell'art. 89 del R.D. 4 gennaio 1925 n. 29.

 

EVASIONE DELLE PRATICHE

Le imprese e i loro intermediari riceveranno, rispettivamente al domicilio digitale e alla casella pec collegata all'utenza, il documento "Esito evasione protocollo”, rilasciato a seguito di evasione della pratica telematica.

Il documento, riportante le sole informazioni inerenti la pratica, è un utile strumento di lavoro e di controllo sull’aggiornamento della posizione dell’impresa, rappresentando, infatti, un riscontro chiaro dell’ultimo protocollo telematico evaso.

"Esito evasione protocollo” è fornito unicamente a riscontro della chiusura dell'istanza; l’unico strumento utile per l’esibizione a terzi rimane, come sempre, la visura ufficiale consultabile gratuitamente, da parte del legale rappresentante, tramite il cassetto digitale dell'imprenditore.

 

DOCUMENTAZIONE

Istruzioni e Modulistica Registro delle Imprese: Circolare 6 maggio 2016, n. 3689 /C

Diritti di Segreteria e Imposta di Bollo: Nota del Conservatore

Rimborso Diritti di Segreteria: Modulistica

Iscrizione atti in data certa: Nota del Conservatore

Cessazione attività con data retroattiva: Nota del Conservatore

Nomina Amministratore Provvisorio in caso di decesso dell'unico socio accomandatario: Modulistica (da allegare alla pratica telematica)

Cause di scioglimento delle SRL, art. 2484 cc: Nota del Conservatore

Comunicazione socio unico e ricostituzione pluralità dei soci nelle SRL - precisazioni modalità di deposito e data effetto: Nota del Conservatore

Efficacia iscrizione nel Registro delle Imprese: Nota del conservatore

Info

Registro Imprese Contact Center
tel. 02 22177031
Ultimo aggiornamento lunedì 04 luglio 2022