Sezione salto blocchi

Domicilio digitale

Assegnazione d'Ufficio Domicilio Digitale

A breve le Camere di Commercio avvieranno la campagna di attribuzione d'ufficio del Domicilio Digitale per tutte quelle imprese che non lo abbiano ancora dichiarato e per le imprese per le quali sia stato cancellato d’ufficio, perché inattivo, revocato o non univoco.

L'art. 37 del D.L. 76/2020, convertito con L. 120/2020, prevede che, contestualmente all'attribuzione d'ufficio del Domicilio Digitale, le imprese inadempienti siano sottoposte a sanzione, con i seguenti importi:

  • per le società, da un minimo di 206 a un massimo di 2.064 euro;
  • per le imprese individuali, da un minimo di 30 a un massimo di 1.548 euro.

Il domicilio digitale assegnato d'ufficio sarà abilitato solo al ricevimento di comunicazioni e notifiche, non anche alla spedizione di messaggi.

Le imprese possono, ancora, comunicare, su istanza di parte, il proprio domicilio digitale (PEC) al Registro delle imprese e chiederne l'iscrizione, evitando così il procedimento d'ufficio e l’applicazione della sanzione.

Per facilitare la verifica della posizione della propria impresa, è a disposizione la pagina informativa di Unioncamere.

La consultazione della suddetta pagina consente di verificare esclusivamente l'avvenuta iscrizione del domicilio digitale, ma non la sua regolarità; per verificarne lo stato (attivo/inattivo, valido/non valido) occorrerà rivolgersi al gestore di Posta Elettronica Certificata che lo ha rilasciato.

Se il domicilio digitale dell'impresa fosse non valido, non attivo, revocato o non univoco sarà cancellato d'ufficio, con conseguente attivazione della procedura prevista dall'art. 37 e applicazione delle relative sanzioni.

Il titolare/legale rappresentante dell'impresa, in possesso della firma digitale, può comunicare il domicilio digitale dell'impresa in forma semplificata e senza registrazione utilizzando la Comunicazione semplificata

La comunicazione al Registro Imprese del domicilio digitale è in esenzione dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria.

 

 

COS’È

Il domicilio digitale è un indirizzo elettronico eletto presso un servizio di posta elettronica certificata o un servizio elettronico di recapito certificato qualificato; è un sistema di comunicazione in grado di attestare l’invio e l’avvenuta consegna di un messaggio di posta elettronica e di fornire ricevute opponibili ai terzi.

L’indirizzo deve essere esistentevalido e attivo ed inoltre deve essere univocamente riconducibile all’impresa (non essere assegnato ad altri).

 

 

SOGGETTI OBBLIGATI

Tutte le imprese costituite in forma societaria, ovvero, società di persone, società di capitali, società cooperative, società consortili, società in liquidazione e società estere con sede secondaria in Italia, imprese individuali attive e non soggette a procedure concorsuali, sono tenute alla comunicazione di un domicilio digitale. Non è ammessa la domiciliazione presso terzi (es. studi professionali).

 

 

SOGGETTI ESONERATI

Consorzi fra imprese con attività esterna, i G.E.I.E., aziende speciali di enti locali, reti di imprese con soggettività giuridica, associazioni iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle imprese, associazioni, fondazioni, altri enti non societari e persone fisiche - iscritti solo nel Repertorio Economico Amministrativo.

 

 

CASI PARTICOLARI

Sono tenuti a comunicare un indirizzo di posta elettronica certificata, che riferirà non tanto all’impresa quanto all'eventuale procedura concorsuale in essere, i soggetti nominati nell’ambito della stessa, quali curatori fallimentari, commissari giudiziali e commissari liquidatori.

 

 

MODALITÀ DI ISCRIZIONE

Per richiedere un domicilio digitale occorre rivolgersi ad un gestore PEC, iscritto nell’elenco dell'Agenzia per l'Italia Digitale.

Per l’iscrizione del proprio domicilio digitale sarà necessario inoltrare al Registro Imprese una pratica telematica, compilata attraverso DIRE, Comunica Startweb o Comunica Fedra (fino a loro dismissione), o una pratica semplice.

Per costi e termini consultare Supporto Specialistico.

Per verificare la sola iscrizione del domicilio digitale sono a disposizione i seguenti canali:

https://domiciliodigitale.unioncamere.gov.it/home

https://www.registroimprese.it/indirizzo-pec

Per verificare la regolarità dell’indirizzo e quindi lo stato (attivo/inattivo, valido/non valido) sarà necessario rivolgersi al gestore che lo ha rilasciato.

 

 

CANCELLAZIONE D'UFFICIO DOMICILI IRREGOLARI

Il Registro Imprese verifica periodicamente, con modalità automatizzate, se gli indirizzi iscritti siano attivi, validi e univocamente riconducibili all'impresa, secondo quanto disposto dalla Direttiva del MISE del 13 luglio 2015.

In caso negativo avvia il procedimento di cancellazione d’ufficio di quelli che presentano anomalie; in mancanza poi di regolarizzazione su istanza di parte, assegna d'ufficio all'impresa un domicilio digitale, in linea con quanto prescritto dall’art. 37 del D.L. 76/2020, convertito con L.120/2020.

 

 

DOCUMENTAZIONE

Info

Registro Imprese Contact Center
tel. 02 22177031
Ultimo aggiornamento giovedì 31 marzo 2022