<-- -->
  • Stampa

Mobilità ciclistica e sviluppo sostenibile: Varese sale in sella

L’accordo ha una durata biennale, ma promette di avere continuità nel tempo e, soprattutto, di essere un vero e proprio momento di svolta per la gestione della rete varesina delle piste ciclopedonali. Una rete già fitta, fin d’ora destinata a incrementarsi e, soprattutto, ad arricchirsi di servizi per valorizzare uno degli elementi cardine di quel turismo active&green destinato a essere uno dei baluardi della ripartenza di un settore duramente colpito dall’allerta sanitaria.

«L’accordo che abbiamo sottoscritto oggi con Provincia – dice il presidente di Camera di Commercio, Fabio Lunghirappresenta uno strumento prezioso per dare ulteriore riconoscibilità alla contea dei laghi quale “terra di bicicletta”. Un patrimonio che abbiamo nel nostro dna e che vogliamo ulteriormente incrementare, alla luce della necessità di dare riscontro alla crescente richiesta di esperienza di un turismo lento, inserito in un contesto ambientale di gran pregio, che costituisce un indubbio elemento di competitività per il nostro territorio e tutti i suoi operatori economici. Ecco perché, anche nell’ambito del nostro progetto Varese Sport Commission, siamo pronti ad accrescere la nostra operatività su questi temi, in stretta sinergia con gli enti locali e gli imprenditori del settore della ricettività e dei servizi collegati alla bicicletta. Il tutto in corrispondenza con quella crescente sensibilità ambientale che sta orientando le scelte dei cittadini e, in generale, della società civile verso modelli e stili di vita più sostenibili: la bicicletta si impone allora quale mezzo ideale sia per quel cicloturismo che permette di assaporare pienamente le atmosfere e le emozioni trasmesse dal nostro territorio, sia per spostamenti locali, anche per raggiungere il posto di lavoro».

Da parte sua, il presidente dell’ente di Villa Recalcati, Emanuele Antonelli, sottolinea l’impegno a mappare e monitorare l’attuazione del sistema ciclistico provinciale: «Stiamo lavorando alla progettazione e alla realizzazione dei tratti di ciclovie già finanziati, ma anche alla ricerca di finanziamenti e all’analisi di fattibilità tecnico economica dei tratti d’interesse sovralocale tuttora mancanti». Nell’accordo si fa cenno ai diversi tratti di corridoi ciclistici d’interesse provinciale e regionale in fase o di progettazione o già di realizzazione: è il caso della ciclovia del Lago Maggiore, di quella Valle Olona-Valle del Lanza e quindi dei percorsi in Valganna e nelle Valli del Verbano. Non manca neppure il riferimento al collegamento tra il Lago di Varese e il Maggiore. «Un obiettivo di rilievo è, inoltre – continua Antonelli –, quello di garantire la manutenzione delle ciclabili esistenti e quelle appunto in realizzazione attraverso la definizione di un sistema di gestione degli interventi in partenariato con Comuni e altri soggetti pubblici e privati».

Camera di Commercio, nell’ambito dell’accordo, si impegna a promuovere e comunicare il progetto della rete integrata di piste ciclopedonali e dei relativi servizi in chiave di attrattività turistico-sportiva. «Vogliamo, poi – conclude Lunghi –, attivare sinergie con gli attori turistici varesini per favorire la definizione di un’offerta che ricomprenda le piste ciclopedonali quali fattori di attrattività e l’attivazione di servizi quali noleggio bici, servizio navetta…Il tutto per accelerare lo sviluppo imprenditoriale. Non mancheranno gli sforzo di favorire collegamenti multimodali, penso alla Navigazione Lago, e di realizzare analisi e studi su questa materia turistica, con la relativa e puntuale raccolta di dati». 

Intanto, per dare subito concretezza all’accordo sottoscritto, nell’ambito della sinergia col consorzio turistico Varese Convention and Visitors Bureau si sta lavorando alla definizione di proposte che offrano opportunità legate alla nostra rete di piste ciclopedonabili. Proposte turistiche, fruibili fin dalle prossime settimane, rivolte al pubblico degli appassionati e dei loro famigliari.               

Ultimo aggiornamento 21 maggio 2021
  • Stampa

INFO

Ufficio Stampa

tel. 0332 295475

e-mail

CONTACT CENTER R.I.

02/221 770 31

contact@va.camcom.it
 (NON utilizzare PEC)