Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

  • Stampa

Ufficio Metrico

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ministeriale 21 aprile 2017. n. 93 che apporta modifiche alla normativa sui controlli e sulla vigilanza degli strumenti di misura.
Il regolamento è in vigore dal 18 settembre 2017.

COS'E'

L'ufficio metrico svolge l’attività di vigilanza del mercato degli strumenti di misura soggetti alla normativa nazionale ed europea ed effettua i controlli sugli strumenti in servizio ad intervalli casuali, o a richiesta del titolare dello strumento o di altra parte interessata, garantendo comunque il contraddittorio.

Gli strumenti di misura oggetto di controllo da parte dell’ufficio metrico sono quelli commercializzati e messi in servizio per garantire la correttezza delle misurazioni legate a motivi di interesse pubblico, sanità pubblica, sicurezza pubblica, ordine pubblico, protezione dell'ambiente, tutela dei consumatori, imposizione di tasse e di diritti e lealtà delle transazioni commerciali. Tali strumenti sono quindi soggetti alle valutazioni di conformità previste dalle norme applicabili ed ai controlli previsti dalla metrologia legale (verifica prima, verifica periodica, controlli casuali, vigilanza del mercato).

A CHI SI RIVOLGE

Ai  fabbricanti che producono strumenti per pesare o misurare, per accertarne l’idoneità e la conformità ai requisiti di legge, prima della loro immissione in commercio.

A tutti gli operatori economici che, per la loro attività, utilizzano strumenti per pesare o misurare in transazioni commerciali.

Alle aziende che posseggono autoveicoli muniti di tachigrafi digitali e ai loro conducenti.

PRINCIPALI ATTIVITA'

Tra le principali funzioni spettanti all’ufficio metrico rientrano quelle relative ai controlli successivi degli strumenti di misura, quali la verificazione periodica (relativa all'accertamento e mantenimento nel tempo della loro affidabilità metrologica), i controlli casuali o a richiesta e la vigilanza sugli strumenti soggetti alla normativa nazionale e europea.

L’Ufficio metrico provvede inoltre al rilascio delle concessioni del marchio di identificazione per metalli preziosi.

COSTI

(definiti sulla base del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 07/01/2006)

  • Tariffario regionale per le verifiche degli strumenti di misura differenziate per tipo di strumento da sottoporre a controllo - in vigore dal 1 gennaio 2011
  • Tariffe per le verifiche dei distributori di carburanti stradali (forfettarie; tengono conto delle dimensioni dell'impianto, calcolato sul numero di strumenti presenti, e della frequenza con la quale vengono effettuati gli accertamenti) - in vigore dal 1 gennaio 2009

COME PAGARE

I pagamenti devono essere effettuati al momento della presentazione della richiesta di verificazione con le seguenti modalità:

  • Bancomat, carta di credito o in contanti (se la richiesta viene presentata allo sportello)
  • bollettino di versamento su c/c postale n. 19485218 intestato a Camera di Commercio di Varese - causale "richiesta verifica metrica” (allegando l’attestazione dell’avvenuto pagamento alla richiesta trasmessa via email o via posta)
  • bonifico bancario (IT 63 U 05696 10800 000009700X60) - causale "richiesta verifica metrica” (allegando l’attestazione dell’avvenuto pagamento alla richiesta trasmessa via email o via posta)

 

NORMATIVA


Ultimo aggiornamento 24 ottobre 2017

  • Stampa

INFO

Ufficio Metrico e Verifiche Ispettive

tel. 0332 295464

e-mail

HELP DESK

Registro Imprese,
Diritto Annuale, Ambiente
e Conciliazione

CONTACT CENTER R.I.

02/221 770 31

contact@va.camcom.it
 (NON utilizzare PEC)