• Stampa

Brexit: Come Affrontarla al Meglio

I dati sono rilevanti: con un export di 650 milioni di euro annui, il Regno Unito è il terzo partner commerciale del sistema economico varesino, subito dopo la Germania e la Francia. Non solo: ogni 100 euro importati, le nostre imprese vendono oltre Manica beni e servizi per ben 232 euro. «Un patrimonio da salvaguardare dai rischi Brexit – sottolinea il presidente di Camera di Commercio Varese, Fabio Lunghi –,tanto più che, negli ultimi cinque anni, il nostro export è cresciuto del 14,6% mentre l’import è sceso del 23%. Lo stesso impatto dell’allerta sanitaria è stato attenuato: le esportazioni si sono sì ridotte nei primi nove mesi del 2020, ma in misura limitata al 7%, quando il totale del commercio varesino verso l’estero è diminuito complessivamente del 12,9%». Tra le nostre merci maggiormente vendute nel Regno Unito, ci sono gli aeromobili, a cui seguono gli apparecchi per uso domestico e i prodotti alimentari.

L’obiettivo, dunque, è quello di fare in modo che le imprese varesine possano conservare tutta la loro competitività su quel mercato anche dopo la firma dell’accordo tra Unione Europea e Regno Unito del 24 dicembre scorso. Così, se dal 1° gennaio di quest’anno ha avuto fine la libera circolazione di persone, merci, servizi e capitali, l’accordo “Soft Brexit” garantisce l'assenza di dazi e contingenti per le merci. Resta l’obbligo di assolvere alle procedure doganali: l’attestazione di origine, valida dodici mesi, deve essere compilata dall’esportatore del bene, che è anche responsabile della sua correttezza e delle informazioni fornite. Lo stesso esportatore può, inoltre, riportare direttamente l’attestazione di origine su una fattura o un qualsiasi altro documento che descriva il prodotto in modo sufficiente da consentirne l’identificazione.

Tutti temi sui quali Camera di Commercio è al servizio delle imprese con il suo servizio Lombardia Point, cui rivolgersi per informazione, attività di formazione e approfondimenti. Inoltre, è sempre operativo lo sportello Commercio Estero, a disposizione per il rilascio dei certificati necessari per l’esportazione.

Contenuti che saranno affrontati durante un webinar che mercoledì 27 gennaio analizzerà, con un approccio teorico-pratico, i cambiamenti previsti nelle relazioni commerciali con il Regno Unito. Questo con un focus proprio sugli aspetti doganali e fiscali di cui bisogna tenere conto. I partecipanti verranno guidati dal relatore, l’esperto di Unioncamere Lombardia Giuseppe De Marinis, nell’identificare le procedure necessarie e gli impatti che le stesse potranno comportare rispetto alla propria operatività aziendale. Previsto anche l’intervento di un tecnico dell’ufficio di Malpensa dell’Agenzia delle Dogane.

La partecipazione al webinar è gratuita.

Ultimo aggiornamento 14 gennaio 2021
  • Stampa

INFO

Ufficio Stampa

tel. 0332 295475

e-mail

CONTACT CENTER R.I.

02/221 770 31

contact@va.camcom.it
 (NON utilizzare PEC)