• Stampa

Diritto annuale

 

calcola e paga on line

Il Diritto Annuale camerale: calcola e paga on linenovità


 

COS'È

Il diritto annuale è il tributo che ogni impresa è tenuta a versare alla Camera di Commercio.

Sono tenute al pagamento le imprese che sono iscritte o annotate nel Registro delle Imprese e ogni soggetto iscritto al REA, al 1° gennaio di ogni anno, nonché le imprese iscritte o annotate nel corso dell’anno di riferimento.
L’importo non è frazionabile in rapporto alla durata dell’iscrizione nell’anno (DM 359/2001, art. 3 c. 2).



Pagamento diritto annuale 2020novità

Tutte le imprese che risultano iscritte al 1° gennaio 2020 al Registro Imprese e i soggetti tenuti al versamento del diritto annuale per l'anno 2020 ricevono la comunicazione con le indicazioni per il pagamento, che coincide generalmente, con il termine di versamento del primo acconto delle imposte sui redditi.

Differimento dei termini di versamento: ai sensi del D.P.C.M. 27 giugno 2020 (G.U. n. 162 del 29 giugno 2020) il termine di pagamento di imposte e contributi in scadenza il 30 giugno 2020 è prorogato al 20 luglio 2020 per i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice. La proroga si applica anche ai soggetti che presentano cause di esclusione o inapplicabilità dagli stessi, compresi forfettari e minimi, e ai soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese aventi i medesimi requisiti. La proroga riguarda anche il pagamento del diritto annuale.

Dal 21 luglio 2020 e fino al 20 agosto 2020 sarà possibile effettuare il versamento con la sola maggiorazione dello 0,40%. La maggiorazione è dovuta anche nel caso di presentazione di mod. F24 a saldo zero.

  • sezione ordinaria
  • sezione speciale e soggetti iscritti al Repertorio Economico Amministrativo (R.E.A.).

Per le imprese che risultano aver omesso il pagamento del diritto annuale degli anni precedenti (controllo effettuato sul triennio 2017 - 2019) nella prima pagina della comunicazione sarà presente la segnalazione dell'irregolarità

Le comunicazioni sono trasmesse all'indirizzo di posta elettronica certificata (P.E.C.) delle imprese

Le imprese prive di PEC, o con PEC non valida, dovranno provvedere al più presto a ripristinare la validità della casella scaduta e/o a comunicare una nuova casella PEC al Registro delle Imprese.

 

Sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione:

E' stata disposta la sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione (art.68 del D.L. 18/2020), pertanto:

  • tutte le cartelle, relative alle violazioni del diritto annuale notificate in data antecedente, il cui termine di pagamento rientra nel periodo dall’ 8 marzo al 31 maggio 2020 possono essere pagate entro il 30 giugno 2020 senza la maggiorazione di interessi di mora
  • la rata del 28 febbraio 2020 relativa alla definizione agevolata “Rottamazione – ter” richiesta per il pagamento delle cartelle notificate per le violazioni relative al diritto annuale, potrà essere pagata entro il 31 maggio 2020.


Termini di versamento 2019

Con D.L. n. 34/2019 sono stati prorogati al 30 settembre i termini per i versamenti di tributi con scadenza tra il 30 giugno e il 30 settembre 2019, per i soggetti nei confronti dei quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito.

La proroga riguarda anche il diritto annuale.


Per i soggetti non interessati dalla proroga, o con termini di pagamento diversi (esempio: nuove iscrizioni in corso d'anno e società con proroga di bilancio e/o esercizio non coincidente con l'anno solare), il versamento deve essere effettuato :

  • entro il 1 luglio 2019;
  • oppure entro il 31 luglio 2019 con maggiorazione dello 0,40% (la maggiorazione deve essere applicata anche in caso di compensazione con altri tributi, c.d. "F24 a saldo zero")

 

Comunicazioni ingannevoli - Esazione diritto annuale 2020

Sono pervenute numerose segnalazioni di comunicazioni ingannevoli, trasmesse tramite posta elettronica certificata alle imprese aventi ad oggetto "Esazione Diritto Annuale 2020" e trasmesse da indirizzi email che nulla hanno a che fare con le Camere di Commercio.

Attenzione! Non si tratta dell’informativa relativa al Diritto annuale che le Camere di Commercio inviano in occasione della scadenza del 30 giugno di ogni anno. Si consiglia di non aprire gli allegati e di non dare seguito a tali richieste.

 

ATTENZIONE: per il pagamento del diritto annuale la Camera di Commercio non emette bollettini postali.

Diffidare quindi da
:

  • richieste di pagamento avanzate da organismi privati estranei alla Camera di Commercio
  • richieste effettuate da soggetti che si qualificano come Camera di Commercio e dirette ad acquisire coordinate bancarie
  • richieste di sottoscrizione moduli (contenenti i dati dell'azienda) effettuate da soggetti esteri: l'invio del modulo sottoscritto può comportare la registrazione in banche dati a pagamento.

 

 

 


Con il diritto annuale versato dalle imprese, ogni anno:
 Aiutiamo ler imprese a crescere sostenendo i loro investimenti Facciamo saperealle imprese con chi sono in affariattraverso l’anagrafe economica. Raccontiamocome si muove l’economia,informandosull’andamento del settore aziendale. Apriamole imprese a nuovi mercati, creando opportunitàdi business all’estero.
ContributiRegistro imprese
Registro ProtestiMarchi e brevetti
Osservatorio economicoConsorzio Provex
Estero
...e tanto altro ancora, segui le nostre news: Vareseconomia

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento 01 luglio 2020

  • Stampa

INFO

Diritto Annuale

tel. 0332 295328

Servizi Online

Vedi anche

Documentazione