Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

  • Stampa

Cartella Esattoriale

VERIFICHE DA PARTE DELLE IMPRESE

Al ricevimento della cartella esattoriale è consigliabile - prima di contattare la Camera di Commercio - eseguire questi semplici e brevi riscontri:

1) accertarsi che l'ente impositore sia la Camera di Commercio di Varese e l'ufficio, UFFICIO DIRITTO ANNUALE (pag. 5 cartella esattoriale, in alto).


In caso contrario è necessario rivolgersi all'ente e relativo Ufficio riportati in cartella (esempio Camera di commercio di Milano - Ufficio Diritti).

2) Individuare l’anno di riferimento (pag. 5 cartella esattoriale - dettaglio degli addebiti).

Constatata la natura della violazione commessa:

- verificare se per l'annualità sanzionata si è in possesso della ricevuta di versamento (modello F24 o altro documento equipollente); quindi, controllare la sua corretta compilazione.
In particolare accertarsi che:

  • il Codice Fiscale indicato sia, nel caso di imprese individuali, un codice alfanumerico di sedici caratteri e, solo nel caso di società, un codice numerico di undici caratteri;
  • la sezione compilata sia Imu e altri Tributi locali
  • il codice Ente sia VA
  • l'annualità sia quella cui si riferisce la violazione
  • il codice tributo 3850 (3851 per gli interessi, 3852 per le sanzioni).


In caso di compilazione corretta del modello di versamento si consiglia di contattare l’ufficio diritto annuale della Camera di Commercio, al fine di verificare se il versamento risulta pervenuto ma non correttamente acquisito dal sistema; qualora l’esito dei controlli effettuati dall’ufficio fosse negativo, sarà necessario rivolgersi all'Istituto di Credito/Banca/Ufficio Postale al quale la delega (F24) era stata presentata, richiedendone il tracciato di inserimento bancario (o altro atto equipollente) al fine di accertare errori verificatisi in fase di immissione della stessa e trasmetterlo - insieme all'istanza di sgravio della cartella - all'ufficio diritto annuale della Camera di Commercio.

In caso di compilazione errata del modello F24 relativamente a Codice Fiscale (era stata riportata, ad esempio, la partita iva ), anno del tributo (era stato indicato, ad esempio, quello precedente), codice provincia (era stata indicata, ad esempio, la sigla provincia dove era denunciata una unità locale o dove l'impresa aveva precedentemente la sede legale e l'iscrizione), occorre trasmettere immediatamente l'istanza sgravio della cartella, all'ufficio diritto annuale della Camera di Commercio.
L'Ente in questi casi provvederà a sanare l'errore formale ed a concedere lo sgravio della cartella emessa.


In caso di compilazione errata del modello F24 relativamente al codice tributo (ad esempio è stato usato il codice 3805 oppure 3817 invece di quello corretto 3850) o del codice Ente (ad esempio è stato usato il codice ente 10 identificativo della Regione Lombardia al posto di VA), non avendo la Camera di Commercio alcuna possibilità di sanare l'errore, l'impresa dovrà necessariamente rivolgersi all'Ente che ha beneficiato del versamento per ottenerne il rimborso.
In questi due casi, infatti, a causa dell'errore, il versamento è stato incassato da un'altra amministrazione e quindi la cartella è da pagare.

RATEAZIONI DI PAGAMENTO

In base alle nuove disposizioni introdotte è stato attribuito agli Agenti della riscossione il potere di dilazionare il pagamento delle somme iscritte a ruolo. Eventuali richieste di rateazione di importi iscritti a ruolo dovranno, quindi, essere rivolte direttamente all'Agente della riscossione competente.

AUTOTUTELA

L'amministrazione provvede all'annullamento o alla rettifica di un provvedimento emesso e riscontrato errato in via del tutto autonoma (iniziativa d'ufficio) oppure su iniziativa del contribuente.
Chi ha ricevuto la notifica della cartella esattoriale per la violazione di omesso / tardato / incompleto pagamento del diritto annuale ed ha verificato di non essere tenuto al pagamento, può presentare tempestivamente richiesta di riesame, al fine di ottenere l'eventuale annullamento totale o parziale della cartella, direttamente alla Camera di Commercio di Varese - Ufficio Diritto Annuale.
La domanda di riesame (in carta libera) avrà in allegato le prime due pagine della cartella esattoriale, la ricevuta di pagamento del modello F24 o altri titoli giustificativi del versamento o altra documentazione idonea a sostenere le proprie ragioni; è possibile utilizzare il modulo richiesta di sgravio della cartella appositamente predisposto.
La domanda di riesame dovrà essere trasmessa con una delle seguenti modalità:

  • help desk dalla home page del sito camerale;
  • e-mail;
  • spedizione postale all'ufficio diritto annuale c/o Camera di Commercio di Varese,  Piazza Monte Grappa n. 5 – 21100 Varese;
  • presentazione agli sportelli dell'ente camerale.

                       
L'Ente, verificata la legittimità/non legittimità della domanda, provvederà a concedere/ negare lo sgravio, comunicandolo ai soggetti interessati.
Il contribuente può richiedere informazioni sullo stato di avanzamento della propria istanza, dal venticinquesimo giorno successivo l'invio, contattando direttamente l'Ufficio Diritto Annuale inviando una e-mail all'indirizzo indicato.

RICORSO

E' possibile proporre ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale di Varese entro 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, tenendo conto della sospensione del periodo feriale (1 agosto - 31 agosto).
Il ricorso deve essere notificato alla Camera di Commercio di Varese tramite Ufficiale Giudiziario, o spedizione a mezzo posta in plico raccomandato senza busta con avviso di ricevimento, ovvero mediante consegna diretta ad un addetto dell'ufficio protocollo.
Entro 30 giorni dalla notifica del ricorso il ricorrente, a pena di inammissibilità, deve costituirsi in giudizio depositando presso la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale il proprio fascicolo contenente: l'originale del ricorso notificato tramite Ufficiale Giudiziario oppure fotocopia del ricorso dichiarata conforme all'originale dallo stesso ricorrente (se spedito per posta o consegnato) con fotocopia della ricevuta della spedizione per raccomandata a mezzo del servizio postale o del deposito.

Ultimo aggiornamento 16 novembre 2017

  • Stampa

INFO

Diritto Annuale

tel. 0332 295328

per info scrivere a Help Desk

HELP DESK

Registro Imprese,
Diritto Annuale, Ambiente
e Conciliazione

CONTACT CENTER R.I.

02/221 770 31

contact@va.camcom.it
 (NON utilizzare PEC)